Tra tutte le faccende dell’orto, eliminare le piante infestanti è una delle più ingrate: le strappi e ricrescono, le strappi e ricrescono… Un ciclo senza fine, che saresti tentato di saltare a piè pari anche a costo di lasciare via libera ad ortiche e affini.

La soluzione migliore è usare una pacciamatura classica; vanno bene sia i teli pacciamanti sia la paglia. In alternativa, puoi coltivare piante che non fanno crescere le erbacce nell’orto. Le piante in questione coprono il terreno intorno alle altre piante come una pacciamatura viva e, al contempo, possono essere usate per preparare tisane e ottime insalate.

Vediamo quali sono.

Achillea

Chiamano l’achillea anche “millefoglio” o “erba dei centauri” ed ha una lunga storia, all’interno della medicina tradizionale. Oltre che essere un ottimo digestivo, però, è anche una pianta dura a morire e che si adatta a tutti i tipi di terreno: tempo qualche settimana, e le sue caratteristiche  infiorescenze corimbose sono ovunque.

Pianta l’achillea vicino a piante alte almeno 100 cm, per evitare che i suoi cespugli soffochino sia le erbacce sia gli ortaggi che dovrebbero proteggere.

Asperula

L’asperula, detta anche “stellina odorosa”, si utilizza sia nella preparazione di tisane sia per aromatizzare grappe e vini; in Germania, è apprezzata anche in gelateria. Un’erba bella e utile, non c’è che dire, che richiede pochissime cure e che cresce bene anche all’ombra di piante più grandi.

Se vuoi ottenere un tappeto verde ancora più fitto, scegli l’asperula orientale: è meno profumata dell’asperula odorosa, ma ha un portamento prostrato molto più accentuato e funziona meglio, se il tuo obiettivo principale è rubare spazio alle erbacce.

Cinquefoglia comune

La cinquefoglia comune è una piccola pianta erbacea dal portamento strisciante, parente stretta della rosa. Radici e foglie sono utilizzabili per preparare decotti e impacchi; le foglioline giovani sono ottime in insalata.

Una volta messa a dimora, la cinquefoglia si propaga anche in terreni poveri e sassosi. Occhio a non coltivarla vicino ai pomodori, però: proprio come loro, anche la cinquefoglia è vulnerabile agli afidi.

Malva sylvestris

Se non puoi evitarle, fattele amiche, no? Formalmente la malva sylvestris è una pianta spontanea, una “erbaccia”, appunto: cresce ovunque e si moltiplica ben oltre i confini di un cespuglio o di una siepe. Al contrario di altre piante infestanti, però, torna utile sia per riempire i vuoti nell’orto sia in cucina.

La malva sylvestris è una pianta erbacea nota da sempre per le tante proprietà, tant’è che se ne trova testimonianza perfino tra gli antichi romani: gli infusi di malva sono rilassanti, mentre gli impacchi hanno un’azione lenitiva.

Coltivata nell’orto, la malva selvatica assume un portamento sia prostrato sia eretto: dipende dall’età della pianta e dalla lunghezza dei rami.

Menta corsa

La menta è una pianta infestante, utile quindi per non far crescere altre piante infestanti nell’orto. Un tipo di menta particolarmente efficace è la menta corsa, una pianta a portamento strisciante che ama ombra e mezzombra. Dato che ha bisogno di pochissima terra, la si usa perfino per riempire le fughe dei camminamenti.

Portulaca

La portulaca è la scelta tipica, se decidi di coltivare l’insalata in cassetta: ha bisogno di pochissima acqua e cresce spontanea ovunque trovi spazio, anche grazie al suo portamento strisciante. Per questa ragione, viene considerata una pianta infestante o una pianta tappezzante, a seconda della situazione.

Dato che stiamo parlando di piante utili che non fanno crescere le erbacce, opteremo per la seconda.

Songino

Il songino è un’insalata caratterizzata da tenere foglioline verdi che crescono in ciuffetti grandi pochi centimetri. Dato che occupa poco spazio, il songino è un’ottima pianta da coltivare sul balcone e, in generale, ovunque ci sia spazio da recuperare. Basta spargere i semi nell’area da coprire, innaffiare e aspettare qualche giorno.

Tarassaco

Proprio come la malva, il tarassaco è formalmente un’erbaccia: cresce nelle crepe dei marciapiedi e, in generale, ovunque ci siano luce e due dita di terra. Eppure, il tarassaco può diventare un’insalata gustosa e ricca di vitamine.

Se vuoi evitare il proliferare di erbacce poco utili, coltiva un’erbaccia utile come il tarassaco. Ti basta seminarlo a spaglio e assicurarti che riceva un poco di sole.

Timo selvatico

In passato abbiamo dedicato un intero articolo alla coltivazione del timo selvatico, pianta aromatica che cresce ovunque (o quasi). Le sue foglie lanceolate formano un tappeto vivo e profumatissimo che, se non potato a dovere, rischia di allargarsi ben oltre le aspettative.

Trifoglio nano Microclover

Chiudiamo con una pianta che non è commestibile, ma che fa un gran bene all’orto. Come visto nell’articolo sul come e se eliminare il trifoglio, questo impedisce ad altre erbacce di crescere e arricchisce il terreno con azoto.

La varierà più usata come riempitivo per aree del giardino e dell’orto è il Microclover, caratterizzato da foglioline così piccole da riuscire ad arrivare ovunque.


Hai attrezzi o macchinari da orto inutilizzati?

10 piante che non fanno crescere le erbacce nell’orto 1 Clicca qui e vendi direttamente sul nostro sito!

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità, trucchi e guide che pubblichiamo?
Iscriviti alla nostra Newsletter!