Ma qual è il miglior momento per seminare in orto?

Ortaggi ed erbe aromatiche hanno periodi di semina molto diversi tra loro, divisi nei vari mesi dell’anno. Il compito di un abile agricoltore è imparare a conoscere questi momenti e costruire un calendario delle semine efficace e adatto alle necessità del proprio orto.

Oggi, scopriremo insieme quali sono le verdure facili da crescere in un orto urbano e quali sono i segreti per un raccolto abbondante e colorato. Capiremo come sfruttare i consigli degli esperti di agricoltura e cosa seminare mese dopo mese.

Iniziamo!

Semine primaverili ed estive

Un orto biologico che si rispetti divide le proprie semine in estive, primaverili, autunnali ed invernali. Nei prossimi paragrafi guarderemo insieme come costruire un calendario semine per orto biologico diviso in 12 mesi diversi. Per ora, concentriamoci sulle semine primaverili dell’orto e su quelle estive.

In primavera, con il risveglio della natura, arriva il momento ideale per piantare ortaggi a ciclo breve come ravanelli, lattuga, spinaci e piselli, che beneficiano delle temperature moderate e delle giornate in progressivo allungamento. Le semine estive, invece, si concentrano su colture che amano il caldo e che maturano in tempi più lunghi, come pomodori, peperoni, zucchine e melanzane. Questi ortaggi richiedono un terreno ben riscaldato e abbondante luce solare per svilupparsi al meglio.

Pianificare correttamente le semine in queste due stagioni vi permetterà di ottenere un raccolto continuo e variegato, sfruttando al massimo le condizioni climatiche favorevoli di ciascun periodo.

Semine autunnali ed invernali

Quando arriva l’autunno e l’inverno si avvicina, gli agricoltori si chiedono: come posso proteggere le mie semine dalle gelate notturne?

Per fortuna, esistono diverse piante resistenti al freddo e diversi metodi naturali in grado di assicurare la protezione delle semine dalle gelate. Vediamo brevemente cosa conviene seminare in autunno e in inverno.

In autunno, l’orto si prepara per la stagione invernale con la semina di ortaggi resistenti al freddo come cavoli, broccoli, carote, e porri. Queste colture beneficiano delle temperature più fresche e della maggiore umidità del suolo, crescendo lentamente ma costantemente. Durante l’inverno, sebbene le possibilità siano più limitate a causa del freddo intenso, è possibile seminare verdure a ciclo breve in serre o tunnel, come lattuga, rucola e spinaci. Inoltre, è il momento di piantare l’aglio, che avrà tutto il tempo necessario per radicarsi e svilupparsi per la raccolta estiva.

Calendario semine mese per mese

Procediamo ora con la presentazione del nostro calendario delle semine orto per mese, volontariamente diviso in 12 sezioni diverse.

Se siete alla ricerca di una tabella semine per orto, questo calendario è esattamente quello di cui avevate bisogno. Una lista completa di ortaggi, erbe aromatiche e bulbose vi aspetta a poche righe di distanza. Buon divertimento!

Cosa piantare a gennaio

A gennaio, molte piante sono ancora in riposo vegetativo a causa delle basse temperature, ma è comunque possibile avviare alcune semine, soprattutto in ambienti protetti – come le serre o l’interno delle abitazioni.

Ecco una lista degli ortaggi e delle erbe aromatiche da piantare all’interno o in serra riscaldata:

  • Ortaggi:
    Pomodori, peperoni e melanzane vanno piantati in piccoli vasetti da tenere al caldo, siccome parliamo di ortaggi che richiedono temperature abbastanza alte per germogliare.
    Alcune varietà di lattuga – soprattutto quelle da taglio – possono essere piantate in serra a gennaio insieme al sedano, per poi procedere con il trapianto all’esterno in primavera;
  • Erbe aromatiche:
    Seminare basilico e prezzemolo in piccoli vasi, tenendoli al caldo e in piena luce.

Di seguito invece una lista degli ortaggi da piantare all’aperto:

  • Ortaggi resistenti al freddo:
    Piselli, fave e rucola possono facilmente essere piantati all’esterno in gennaio perché sono verdure resistenti al freddo. Gli spinaci vanno invece coperti con uno strato di tessuto non tessuto per protezione (qui alcuni consigli pratici su come proteggere le verdure dal freddo);
  • Bulbose:
    Aglio, cipolle e scalogno vanno piantati direttamente nel terreno usando i bulbilli.

Cosa piantare a febbraio

A febbraio, con l’avvicinarsi della primavera, le giornate iniziano ad allungarsi e le temperature a moderarsi, permettendo di ampliare le attività di semina.

Vediamo quindi cosa seminare all’interno o in serra riscaldata:

  • Ortaggi:
    Continuate la semina di pomodori, peperoni e melanzane, con l’obiettivo di trapiantare i germogli in primavera. Allo stesso modo, potete continuare la semina di lattuga (varietà da taglio o cappuccio) e sedano, aggiungendo alla lista anche cavoli cappuccio e broccoli;
  • Erbe aromatiche:
    In piccoli contenitori, occupatevi della semina di basilico, prezzemolo e coriandolo.

Ecco invece cosa piantare all’aperto:

  • Ortaggi resistenti al freddo:
    Continuate la semina di piselli, fave, spinaci e rucola. Aggiungete poi alla lista i ravanelli (da seminare spaziando i semi di circa 2-3 cm), la bietola a coste (da seminare in file distanziate di circa 30 cm), e le carote.
  • Bulbose:
    Continuate la semina di cipolle, aglio e scalogno.

Cosa piantare a marzo

A marzo, con l’arrivo della primavera, è possibile ampliare ulteriormente le attività di semina, sia all’interno che all’aperto.

Cosa piantare all’interno o in serra riscaldata:

  • Ortaggi:
    Continuate la semina di pomodori, peperoni, melanzane, lattuga e sedano. Allo stesso tempo, seminate cavoli cappuccio, broccoli e cavolfiori in piccoli contenitori;
  • Erbe aromatiche:
    Continuare la semina in piccoli vasi di basilico, prezzemolo e coriandolo. Aggiungete alla lista anche l’erba cipollina.

All’aperto:

  • Ortaggi resistenti al freddo:
    Seminate in piena terra piselli, fave, spinaci, rucola, ravanelli, bietola a coste e carote. Rispetto al mese di febbraio, potete aggiungere anche la cipolla, che andrà piantata sfruttando i bulbilli;
  • Ortaggi primaverili da piantare nelle zone con clima più mite:
    Se nella vostra regione il clima è più mite, potete piantare all’aperto anche patate, barbabietole, cavolfiori e cavolo rapa;
  • Erbe aromatiche:
    Lontani dalla serra, timo e origano possono essere piantati direttamente nel terreno.

Cosa piantare a aprile

Quali sono le migliori verdure da piantare nel mese di aprile?

Ad aprile, con l’arrivo della primavera piena, si possono effettuare molte semine sia all’aperto che in serra.

All’interno o in serra riscaldata:

  • Ortaggi:
    Continuate la semina in vasetti di pomodori, peperoni, melanzane, lattuga, cavoli cappuccio, broccoli e cavolfiori. Ad aprile arriva anche il momento delle zucchine (da trapiantare in piena terra a maggio) e dei cetrioli;
  • Erbe aromatiche:
    Continuate la semina di basilico, prezzemolo, coriandolo ed erba cipollina.

All’aperto:

  • Ortaggi resistenti al freddo:
    Continuate la semina in piena terra di piselli, fave, spinaci, rucola, ravanelli, bietola a coste, carote e cipolle. Aggiungete poi anche l’aglio e le patate;
  • Ortaggi primaverili-estivi:
    Occupatevi della semina di zucchine, cetrioli e fagioli, che possono essere piantati direttamente nell’orto;
  • Erbe aromatiche:
    Continuate la semina di timo, origano e basilico (direttamente in piena terra nelle zone più miti).

Cosa piantare a maggio

A maggio, con l’arrivo delle temperature più calde e giornate più lunghe, è possibile seminare una vasta gamma di ortaggi direttamente in piena terra.

All’interno o in serra riscaldata:

  • Ortaggi:
    Continuate la semina di sedano, cavoli cappuccio, broccoli e cavolfiori in piccoli contenitori. Seminate in vasetti zucchine e cetrioli per poi trapiantarli in piena terra non appena conclusa la prima fase di germogliazione;
  • Erbe aromatiche:
    Continuate la semina in piccoli vasi di basilico, prezzemolo, coriandolo ed erba cipollina.

All’aperto (in piena terra):

  • Ortaggi primaverili-estivi:
    Trapiantare le piantine di pomodori precedentemente seminate in vasetti e fate lo stesso con peperoni e melanzane. Contemporaneamente, seminate direttamente le zucchine in piena terra o trapiantate le piantine.
    Occupatevi anche della semina di cetrioli, fagioli, fagiolini, piselli, fave, spinaci, rucola, ravanelli, bietola a coste, carote, cipolle e patate.
    Tra le novità del mese di maggio, anche zucca, melone ed anguria, da seminare direttamente in piena terra;
  • Erbe aromatiche:
    Seminate nell’orto timo, origano, basilico e prezzemolo.

Cosa piantare a giugno

A giugno, con il pieno della stagione estiva, molte piante possono essere seminate direttamente all’aperto. È anche il momento di trapiantare molte delle piantine cresciute in serra o all’interno nei mesi precedenti.

Ecco un calendario di semina tipico per giugno, suddiviso tra semine all’interno, in serra e all’aperto.

All’interno o in serra riscaldata:

  • Ortaggi:
    Continuate a seminare in vasetti peperoni, melanzane e varietà tardive di pomodori;
  • Erbe aromatiche:
    Continuate la semina di basilico, prezzemolo, coriandolo e erba cipollina.

All’aperto (in piena terra):

  • Ortaggi primaverili-estivi:
    Continuate la semina direttamente in piena terra (o trapiantate le piantine) di zucchine e cetrioli. Seminate fagioli, fagiolini, piselli (nelle zone più fresche dell’orto), rucola (in zone parzialmente ombreggiate), ravanelli, bietola da coste, carote, cipolle, patate, zucca, melone e anguria;
  • Ortaggi autunnali e invernali:
    Seminate in semenzaio per trapiantare a luglio-agosto: cavolfiori, cavolo verza, cavolo rapa e porri;
  • Erbe aromatiche:
    Seminate direttamente in piena terra timo, origano, basilico, prezzemolo e menta (in zone ombreggiate e umide).

Cosa piantare a luglio

A luglio, con le alte temperature e il pieno della stagione estiva, è importante scegliere le colture che possono tollerare il calore e l’intensità del sole.

In questo periodo, la maggior parte delle semine può essere effettuata direttamente all’aperto:

  • Ortaggi estivi:
    Continuate la semina in piena terra di fagioli, fagiolini, zucchine, cetrioli, zucca e ravanelli;
  • Ortaggi autunnali e invernali:
    Occupatevi della semina in semezaio di cavolfiori, cavolo verza, cavolo rapa, cavolo cappuccio, broccoli, porri e spinaci (cercate di individuare le varietà resistenti al caldo);
  • Ortaggi a ciclo breve:
    Continuate la semina di rucola, ravanelli e bietola da coste. Per quanto riguarda la lattuga, seminate varietà da taglio o cappuccio in zone ombreggiate;
  • Erbe aromatiche:
    Seminate direttamente in piena terra basilico, prezzemolo, coriandolo, timo e origano.

Cosa piantare a agosto

Ad agosto, il caldo estivo continua e molte colture estive sono in piena produzione. Tuttavia, è anche il momento giusto per preparare le semine per le raccolte autunnali e invernali.

Ecco cosa piantare all’interno o in serra riscaldata:

  • Erbe aromatiche:
    Continuate la semina in piccoli vasi di basilico, prezzemolo e coriandolo.

All’aperto (in piena terra):

  • Ortaggi estivi:
    Continuate a seminare direttamente in piena terra fagioli (preferibilmente varietà nane), fagiolini, zucchine, cetrioli e ravanelli;
  • Ortaggi autunnali e invernali:
    Seminate in semenzaio per trapiantare a settembre-ottobre: cavolfiori, cavolo verza, cavolo rapa, cavolo cappuccio, broccoli e porri;
  • Ortaggi a ciclo breve:
    Continuate la semina di lattuga, rucola, ravanelli, bietola da coste e carote;
  • Erbe aromatiche:
    Continuare la semina direttamente in piena terra di basilico, prezzemolo, coriandolo, timo e origano.

Cosa piantare a settembre

Settembre è un mese di transizione tra l’estate e l’autunno, e offre l’opportunità di seminare una varietà di colture che prospereranno nei mesi più freschi.

Ecco la lista delle semine per l’interno / in serra riscaldata:

  • Erbe aromatiche:
    Continuate la semina in piccoli vasi di basilico, prezzemolo, erba cipollina e menta.

All’aperto (in piena terra):

  • Ortaggi autunnali e invernali:
    Seminate direttamente in piena terra( o trapiantate le piantine) di cavolfiori, cavolo verza, cavolo rapa, cavolo cappuccio, broccoli, cavolini di Bruxelles, porri e spinaci (seminare in solchi ombreggiati per evitare il calore eccessivo);
  • Ortaggi a ciclo breve:
    Continuate la semina di lattuga, rucola, ravanelli, bietola da coste, carote e rape. Aggiungete alla lista anche cime di rapa e cicoria;
  • Erbe aromatiche:
    Seminate direttamente in piena terra prezzemolo, coriandolo, timo, origano e salvia.

Cosa piantare a ottobre

Ottobre è un mese di transizione in cui le temperature iniziano a calare, rendendolo un periodo ideale per seminare colture che prosperano nei climi più freschi.

All’interno o in serra riscaldata:

  • Erbe aromatiche:
    Seminate in vasetti (o cassette) prezzemolo, erba cipollina, menta e coriandolo.

All’aperto (in piena terra):

  • Ortaggi autunnali e invernali:
    Seminate direttamente in piena terra spinaci, cavoli e cavolo nero. Trapiantate le piantine di porri, broccoli, cavolfiori, cavolo cappuccio e cavolo verza;
  • Ortaggi a ciclo breve:
    Continuate la semina di lattuga, rucola, ravanelli, bietola da coste, carote, rape e cime di rapa;
  • Erbe aromatiche:
    Continuate la semina in piena terra di prezzemolo, coriandolo, timo, origano e salvia.

Cosa piantare a novembre

A novembre, molte regioni sperimentano temperature più fresche e un periodo di crescita più lento per molte colture. Tuttavia, ci sono ancora alcune opzioni per la semina, specialmente in climi più miti o con l’uso di coperture protettive.

Vediamo cosa seminare all’interno o in serra riscaldata:

  • Erbe aromatiche:
    Continuate la semina in vasetti di prezzemolo, erba cipollina e menta.

All’aperto (in piena terra o sotto copertura protettiva):

  • Ortaggi:
    Seminate varietà invernali sotto copertura protettiva per lattuga, rucola, spinaci e bietola a coste. Allo stesso modo, scegliete ortaggi a radici come carote, rape, cipolle e ravanello;
  • Ortaggi a bulbo:
    Piantate i bulbi di aglio e scalogno per una raccolta successiva in primavera.

Cosa piantare a dicembre

A dicembre, le temperature rigide e il rischio di gelata rendono difficile la semina. Tuttavia, è comunque possibile occuparsi del proprio orto.

Ecco cosa seminare all’interno o in serra riscaldata:

  • Erbe aromatiche:
    Continuate la semina in vasetti di prezzemolo, erba cipollina e menta.

All’aperto (in piena terra o sotto copertura protettiva):

  • Ortaggi:
    Continuate la semina di varietà invernali sotto copertura protettiva per lattuga, spinaci, rucola, bietola a coste, carote, rape, cipolle e ravanello;
  • Ortaggi a bulbo:
    Piantate i bulbi di aglio e scalogno per una raccolta successiva in primavera.

Calendario lunare

Ora che abbiamo visto tutti i vantaggi del calendario solare, possiamo concentrarci su un’altra tecnica di coltivazione ugualmente conosciuta: il calendario lunare in orticoltura è un sistema di misurazione del tempo basato sui cicli della luna. A differenza del calendario solare, che si basa sul ciclo annuale del sole, il calendario lunare si fonda sui cicli lunari, ciascuno dei quali dura circa 29,5 giorni. Questi cicli sono suddivisi in diverse fasi: luna nuova, primo quarto, luna piena e ultimo quarto. Ogni fase ha un’influenza specifica su vari aspetti della vita e della natura, compresa l’agricoltura.

In agricoltura, il calendario lunare è utilizzato per ottimizzare le semine, i trapianti e la raccolta delle colture. Si crede che le diverse fasi lunari influenzino la crescita delle piante. Ad esempio, durante la luna crescente, si ritiene che l’energia vitale delle piante sia in aumento, favorendo la semina e la crescita delle colture che sviluppano la parte aerea, come le insalate e i pomodori. La luna calante, invece, è considerata ideale per piantare ortaggi che sviluppano la parte sotterranea, come carote e patate.

Il calendario lunare è anche utilizzato per altre attività agricole come la potatura, la concimazione e la raccolta, seguendo la convinzione che rispettare i ritmi naturali della luna assicuri un effettivo miglioramento del suolo dell’orto.

Rimani aggiornato, iscriviti alla newsletter