Potrà sembrare superfluo puntualizzarlo, ma le piante sane non perdono le foglie senza apparente motivo. In condizioni ideali, infatti, una pianta perde le foglie solo quando arriva il freddo o finisce il suo ciclo vitale.

Quando una pianta perde le foglie in primavera o in estate, le ragioni sono principalmente due: malattie o condizioni ambientali infelici. Vediamo come distinguerle e come affrontarle.

Perché le piante perdono le foglie

Se la pianta perde le foglie, la prima cosa da fare è capire quali sono le cause. Alcune di queste potrebbero esserti familiari, avendole già viste nell’articolo dedicato a perché le foglie ingialliscono. Ciononostante, non sempre le foglie gialle cadono e non sempre le foglie che cadono ingialliscono, prima di farlo.

Stress idrico

La carenza di acqua è una delle cause più comuni di caduta delle foglie: se non dai abbastanza acqua alle piante, queste iniziano a perdere foglie (a volte ancora verdi!) per risparmiare la poca umidità a disposizione. Eppure, a volte il problema è esattamente l’opposto.

Anche l’eccesso di acqua può provocare la caduta improvvisa delle foglie. Come visto altrove, dare troppa acqua alle piante soffoca le radici e impedisce loro di assorbire i nutrienti nel terreno. Proprio come quando manca l’acqua, la pianta elimina tutto ciò che è di più per la sopravvivenza immediata, come le foglie. Inoltre, la troppa umidità stimola la formazione di muffe e peggiora il problema.

Troppo caldo

A onor del vero, il caldo secco è strettamente legato alla carenza di acqua. Quando fa molto caldo, infatti, l’acqua nel terreno e nelle foglie evapora prima ed è quasi come se non stessi innaffiando le tue piante.

Per rimediare, ti consigliamo di leggere l’articolo dedicato a come proteggere le piante dal caldo.

Shock termico

Un passaggio improvviso dal freddo al caldo, dall’umido al secco e viceversa, mette la pianta in una forte condizione di stress. Spesso questo provoca la caduta di foglie ancora verdi.

Parassiti

Parassiti come le cocciniglie si nutrono della linfa delle foglie più giovani, indebolendole a tal punto da farle cadere. Altri attaccano le radici, ma la sostanza rimane la stessa: rubano energie alla pianta, che non riesce più a fornire nutrimento alle foglie e le lascia cadere.

Come rimediare alle foglie che cadono

Per rimediare alla caduta delle foglie, la prima cosa è valutare quale potrebbe essere la causa.

  • Hai cambiato posizione alla pianta? Se hai portato la pianta al coperto, ad esempio, assicurati di inumidire le foglie con uno spruzzino: serve per contrastare gli effetti della secchezza dell’aria. Se invece l’hai trasferita in serra, assicurati di star regolando bene l’umidità.
  • C’è stato un cambio improvviso di temperature e di condizioni atmosferiche? L’arrivo improvviso del caldo o acquazzoni molto forti potrebbero provocare una carenza o un eccesso di acqua. In base alla situazione, innaffia le piante più spesso o proteggile dalla pioggia.
  • Il terreno è asciutto o molto bagnato? Entrambi estremi sono pericolosi per le tue piante: devi cambiare le tue modalità di irrigazione.
  • Vedi insettini che si muovono nel terreno o sulle foglie? Se la risposta alle domande precedenti è sempre “no”, può darsi che la tua pianta sia stata attaccata da parassiti invisibili. Armati di guanti e cerca nel terreno e sotto le foglie, dove si nascondono più spesso.

Come vedi, non esiste una risposta sempre e comunque valida: dipende dalle condizioni della tua pianta e anche dalla varietà che hai scelto. In casi come le patate, ad esempio, la perdita delle foglie è parte integrante del ciclo della pianta: quando le foglie finiscono di seccarsi, è ora di procedere con il raccolto.

Nel dubbio, cerca sempre informazioni specifiche sulla singola pianta e chiedi consiglio sulla pagina Facebook di Orti a Tutto Gas.

Rimani aggiornato, iscriviti alla newsletter