Tempo di Lettura: 4 minuti

I pomodori sono tra le piante che in assoluto impoveriscono di più il terreno. I loro frutti succosi e dolci richiedono infatti fosforo e potassio in abbondanza, senza contare acqua e minerali. Ecco perché chi applica la rotazione triennale non li coltiva mai per due volte di fila nello stesso posto. Sorge però una domanda: allora, cosa piantare dopo i pomodori?

Evita le solanacee

I pomodori fanno parte della famiglia delle solanacee, che comprende soprattutto piante erbacee e rampicanti. Come i pomodori, sono solanacee anche le melanzane e i peperoni, altre due presenze fisse negli orti italiani. E proprio come i pomodori, anche melanzane e peperone sono piante che tendono a impoverire il terreno.

Questa sarebbe già di per sé una ragione sufficiente per evitare di coltivare le melanzane, ad esempio, dopo i pomodori. C’è però di più.

Le piante che fanno parte di una stessa famiglia sono spesso soggette a malattie simili. Se pianti delle solanacee dopo i pomodori, rischi che eventuali malattie fungine dei pomodori passino a queste. In che modo? Tramite le spore rimaste nel terreno, che sono in grado di sopravvivere per anni.

Ecco perché dovresti non solo scegliere piante meno esigenti, ma anche appartenenti a una famiglia diversa. Questo non annulla il rischio di contagi tra i due tipi di piante, ma lo abbassa a livelli accettabili.

Piante da coltivare dopo i pomodori

La cosa migliore in assoluto sarebbe far riposare un po’ il terreno. Se però vuoi coltivare un orto autunnale e invernale, ecco cosa piantare dopo i pomodori.

Cicoria

Puoi trovare gustosi ciuffi di cicoria selvatica anche passeggiando in campagna o in montagna. Questo dovrebbe darti un’idea di quanto poco esigente sia la cicoria, l’ideale dopo una pianta impegnativa come il pomodoro.

Puoi seminare la cicoria in qualunque momento dell’anno, tranne durante i mesi più freddi dell’anno. Puoi raccoglierla circa 2-3 mesi dopo la semina, quando la pianta ha raggiunto i 15 cm di altezza. Se hai scelto una varietà a taglio, ti basta lasciare un paio di centimetri di colletto per far spuntare foglie nuove.

Scalogno

Lo scalogno è un ortaggio semplice da coltivare e poco esigente. Volendo, potresti perfino coltivarlo in consociazione con i pomodori, tanto va d’accordo con queste piante.

Il periodo in assoluto migliore per lo scalogno è tra febbraio e marzo. Essendo però una pianta molto robusta, tollera bene anche i primi freddi ed è coltivabile anche tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno. L’importante è che le temperature non siano troppo rigide: una gelata improvvisa potrebbe stroncare le piante.

Per andare sul sicuro hai due possibili soluzioni:

  • quando inizia a fare freddo, proteggi le piantine con delle piccole serre;
  • interra i bulbi a novembre e coprili con uno spesso strato di pacciamatura. Nell’immediato non spunterà niente. Salvo imprevisti, le prime piantine inizieranno a spuntare non appena inizia a fare un po’ più caldo.

Ravanelli

Nel parlare delle varietà di ravanelli più consigliate, abbiamo visto che sono piante semplici da coltivare e senza pretese. Inoltre, sono pronti da raccogliere nel giro di 2 mesi al massimo, se non addirittura di meno. L’ideale da coltivare dopo i pomodori, specie se vuoi sfruttare gli ultimi sprazzi di caldo.

Le varierà migliori da coltivare dopo i pomodori sono i classici Saxa, pronti da raccogliere in 25 giorni. Se le temperature rimangono miti fino all’autunno inoltrato, non avrai nulla di cui preoccuparti.

Fagiolini

I fagiolini nani sono ortaggi che crescono velocemente, pronti da raccogliere in circa 75 giorni. Comprando le piantine pronte da trapiantare accorci ancora di più i tempi, riducendo il rischio che colpi di freddo e acquazzoni autunnali rovinino il raccolto.

Essendo leguminose, i fagiolini sono estremamente benefici per il terreno. Rientrano infatti tra le piante miglioratrici, che arricchiscono il terreno invece che impoverirlo. Ecco perché sono perfette da piantare dopo i pomodori.

Non è mai troppo tardi per l’orto!

Affittare un orto quando l’estate sta per finire ti sembra inutile? Ripensaci! Orti a Tutto Gas ti propone appezzamenti pronti da coltivare, perfetti per meravigliosi orti autunnali e invernali. Vieni a trovarci e visitali tu stesso!

Cosa piantare dopo i pomodori? 1

Registrati subito GRATUITAMENTE

Ogni settimana per te un aggiornamento per scoprire tutti i segreti dell'orto

Leggi i contenuti del nostro Agronomo, riservati ai nostri Fan.

Guarda i nostri approfondimenti

Contattaci

02.54107530​
mail@vargas.it

Via Novara, 188, 28021 Borgomanero NO​