Le zanzare sono le bestie che fanno in assoluto più morti sulla Terra, specie nei paesi più poveri. Le loro odiose punture non si limitano a prudere, ma sono veicolo di malattie talvolta letali. Insomma, sono insetti che nessuno vorrebbe avere in casa e per ottime ragioni.

Da secoli e secoli, l’uomo cerca il modo migliore per liberarsi di questi piccoli assassini con le ali. Uno dei più efficaci consiste nel piantare delle piante che sono repellenti per le zanzare, da usare in più modi.

In alcuni posti, le foglie di queste piante vengono essiccate e bruciate come incensi. In altri, si usano per ricavare oli essenziali da spalmare sulla pelle. Ovunque, queste piante diventano bordure profumate che, anche quando non trattate, fungono da repellente naturale per le zanzare.

Vediamo insieme quali sono le piante migliori da seminare in Italia.

Basilico africano e basilico di canfora

Il profumo del basilico pare essere perfetto per tenere lontane le zanzare. Attenzione, però, perché alcune varietà di basilico vanno meglio di altre.

Uno studio del 2008 analizza l’efficacia di basilico africano e basilico di canfora come antizanzare; entrambi vengono ampiamente usati in Tanzania, sia sotto forma di oli sia per produrre una sorta di incenso. Pare che il primo (Ocimum gratissimum o Ocimum suave) offra una protezione del 83% contro le zanzare, mentre il secondo (Ocimum kilimandscharicum) arrivi a una protezione del 91%.

In un altro articolo abbiamo visto alcune varietà strane di basilico, ma non queste: sono un po’ difficili da trovare in Italia ma, una volta che hanno attecchito, crescono benissimo anche qui da noi. L’importante è assicurarsi che le piante stiano sempre al caldo, affinché possano formare grandi cespugli profumati.

Calendula officinale

Va detto che la calendula è un pochino più facile da trovare da noi, anche quella officinale che serve per tenere lontane le zanzare. Come visto nell’articolo dedicato ai fiori per l’orto, tra l’altro, la calendula tiene lontani i parassiti delle piante e attrae sia le coccinelle sia gli insetti impollinatori.

Se lo desideri, i vibranti petali arancio della calendula sono ottimi anche in insalata.

Citronella di Ceylon

Tra tutte quelle in questa lista, la citronella è sicuramente la pianta repellente per zanzare più famosa. Non la più efficace, però: il succitato basilico si è dimostrato un repellente di gran lunga migliore. Purtroppo, è anche più difficile da reperire; ecco perché in Italia si punta soprattutto sulla citronella di Ceylon (Cymbopogon nardus).

La citronella si riproduce soprattutto per talea, ma anche la semina ha un buon tasso di successo. Una volta fatta attecchire, assicurati che la pianta riceva tanto sole e tanta acqua; in inverno, ricordati di coprirla per proteggerla dal freddo.

Geranio Lemon Fresh

L’altra pianta antizanzare famosa è il geranio Lemon Fresh, quello che molti chiamano semplicemente “geranio odoroso”. Le sue foglie emanano un fresco profumo di limone che tiene lontane le zanzare.

Essendo una pianta tappezzante, il geranio è la scelta perfetta per pergole profumate e per creare pareti verdi che proteggano dalle zanzare. Inoltre, il geranio tollera bene la mezzombra ed è adatto ai balconi meno luminosi. In questo caso, però, aspettati pochi fiori durante la bella stagione; inoltre, è probabile che la pianta rimanga un pochino più piccola.

Lavanda intermedia “phenomenal”

Citiamo spesso la lavanda come pianta ideale per proteggere l’orto dai parassiti. Tra le tante cose, il profumo di lavanda aiuta anche a tenere lontane le zanzare, anche se c’è lavanda e lavanda.

La varietà di lavanda che si è dimostrata più efficace contro le zanzare è la lavandula intermedia “phenomenal”. Si tratta di una varietà da fiori molto grandi, di colore più blu che viola. La pianta produce un cespuglio alto pressapoco 70 cm e ha radici forti, che vanno in profondità nel terreno. Proprio per questa ragione, è meglio piantarla in pieno campo.

Menta glaciale

La menta glaciale (Menta Rotundifolia) è uno dei tipi di menta dal profumo più intenso, il che la rende particolarmente odiosa alle zanzare. Inoltre, i suoi estratti paiono avere un potenziale come larvicida.

Come tutte le mente, anche la menta glaciale ha bisogno di molto poco per prosperare: un po’ di terra, sole e acqua. Anzi, tanto basta per avere cespugli fuori controllo, che rischiano di soffocare sia le zanzare sia le altre piante dell’orto o del balcone: tagliala di frequente, una volta che ha raggiunto le dimensioni desiderate.

Nepeta cataria, la vera erba gatta

Contrariamente a ciò che molti pensano, esistono tanti tipi di erba gatta. Quella che si definisce la “vera” erba gatta è la nepeta cataria, una parente stretta della menta usata in medicina popolare per le proprietà calmanti e antinfiammatorie. Sui gatti ha un effetto simile a quello della cannabis. Inoltre, i suoi fiorellini attirano le api.

La vera erba gatta cresce ovunque senza grossi problemi, proprio come la sua cugina. Le bastano un po’ di luce, del terreno fertile e ben drenato, acqua. Per fortuna, è un po’ meno infestante della menta.

L’unico eventuale problema? Attira tutti i gatti del vicinato.

Rimani aggiornato, iscriviti alla newsletter