È arrivato il momento di ripulire l’angolo buio del giardino e rimboccarsi le maniche, pronti a costruire un orto fai-da-te perfettamente funzionante ed ecologico.

Attraverso questa semplice guida passo-passo all’agricoltura per principianti, esploreremo insieme i fondamenti della coltivazione, cercando di identificare gli ortaggi e le erbe aromatiche che vale la pena coltivare all’inizio.

Se siete appassionati di sostenibilità e volete immergervi nella gratificante esperienza del giardinaggio fai-da-te, siete nel posto giusto. Preparatevi a scoprire consigli utili, suggerimenti pratici e tutte le informazioni necessarie per avviare il vostro orto con successo.

Iniziamo!

Quanto spazio è necessario per un orto per principianti?

La dimensione di un orto per principianti può variare in base a diversi fattori, come la tipologia di piante selezionate per la coltivazione, lo spazio disponibile e le preferenze personali.

Se avete abbastanza spazio nel vostro giardino, potreste optare per la costruzione di un orto tradizionale. In questo caso, le dimensioni possono variare notevolmente a seconda delle necessità, ma un orto di dimensioni “standard” ha una superficie di circa 10-15 metri quadrati; uno spazio sufficiente per coltivare una varietà importante di ortaggi ed erbe aromatiche.

Se invece cercate di capire come creare un orto in spazi limitati, questi sono alcuni suggerimenti utili per sfruttare al massimo ogni centimetro disponibile:

  1. Orto in vaso per principianti:
    Se lo spazio è limitato, è possibile iniziare con un piccolo orto in vaso. Questa opzione è ideale per chi ha un balcone, un terrazzo o un piccolo cortile. I vasi permettono la coltivazione di erbe aromatiche, pomodori ciliegia, peperoncini e diverse altre tipologie di piante compatte;
  2. Orto rialzato:
    Gli orti rialzati sono una scelta molto popolare tra i principianti, soprattutto perché possono essere costruiti su terreno e su una superficie pavimentata. Generalmente, un orto rialzato standard ha una dimensione di circa 1,2 metri quadrati, mentre la profondità consigliata è di almeno 20-30 centimetri;
  3. Orto in balcone:
    Per chi vive in un appartamento con spazio limitato, un giardino in terrazza o in balcone può trasformarsi nell’opzione ideale. Contenitori, vasi appesi e strutture verticali possono massimizzare l’uso dello spazio disponibile e trasformare il vostro balcone in un perfetto orto di città.

Quando pianificate le dimensioni del vostro orto, tenete conto anche della disposizione delle piante, dell’esposizione al sole e della facilità di accesso per l’irrigazione e la cura delle piante. È sempre consigliabile iniziare con un orto di dimensioni ridotte, per poi estenderlo gradualmente man mano che acquisite esperienza e sicurezza nelle vostre abilità di coltivazione.

Come iniziare un orto per principianti?

Ora che abbiamo capito quanto spazio è necessario per creare un orto per principianti e quali sono le diverse opzioni possibili, possiamo iniziare e “sporcarci” le mani.

Ecco quindi una guida passo-passo su come iniziare e su quali sono i segreti per un orto funzionale ed ecologico:

  • Scegliete il luogo giusto:
    Trovate un’area che riceva almeno 6-8 ore di luce solare diretta al giorno, siccome la maggior parte delle piante orticole prospera in condizioni di buona esposizione solare. Allo stesso tempo, assicuratevi che l’orto sia facilmente accessibile per l’irrigazione, evitando zone troppo ombreggiate o difficili da raggiungere;
  • Scelta delle piante e pianificazione:
    All’inizio, optate per piante facili da coltivare – come pomodori, zucchine, lattuga, basilico e peperoncini. Iniziate con poche varietà per semplificare la gestione e pianificate la disposizione delle piante considerando la rotazione delle colture. In altre parole, evitate di coltivare lo stesso tipo di ortaggi nello stesso posto per due stagioni consecutive;
  • Preparate il terreno:
    Se possibile, effettuate un’analisi del suolo per valutare il pH e la composizione del terreno. Questo tipo di processo vi aiuterà a determinare quali nutrienti sono necessari e su quale fertilizzante vale la pena investire per migliorare la struttura del terreno. In ultimo, rimuovete erbacce, sassi e detriti in eccesso;
  • Acquistate materiali e attrezzature:
    Prima di procedere con la semina, occupatevi dell’acquisto di attrezzi da orto basilari come una vanga, una paletta, un rastrello e un annaffiatoio. Se lo spazio è limitato, acquistate anche contenitori e vasi di varie dimensioni;
  • Scegliete il metodo di coltivazione:
    Scegliete il giusto metodo di coltivazione prima ancora di iniziare. Ricordate che alcune piante possono essere seminate direttamente nel terreno, mentre altre possono essere coltivate in semenzaio e poi trapiantate. Trattate gli ortaggi come richiesto e otterrete frutti maturi e succosi in poco tempo.

Quali sono le migliori piante da coltivare in un orto per principianti?

Gli agricoltori tendono ad affidarsi ad un apposito calendario per la semina nell’orto, un “diario” che raccoglie tutti i nomi delle verdure e il loro periodo di crescita ideale all’interno dell’orto. Abbiamo parlato del calendario di semina in un articolo precedente, spiegando quali sono le varietà di ortaggi ed erbe aromatiche che vale la pena coltivare in autunno, inverno, primavera ed estate.

Oggi, parliamo invece degli ortaggi e delle erbe aromatiche semplici da coltivare, perfetti per la coltivazione negli orti per principianti.

Pronti per iniziare?

Ortaggi semplici da coltivare nell’orto

Se siete alle prime armi o avete a disposizione uno spazio davvero limitato, il consiglio è sempre quello di iniziare con ortaggi semplici da coltivare, ideali per chi desidera avvicinarsi al mondo dell’orticoltura.

  • Pomodori ciliegina:
    Tra gli ortaggi più semplici da coltivare e rapidi nella crescita, i pomodori ciliegia occupano sicuramente il primo posto. Potete piantare i semi in vasi o contenitori, assicurandovi di fornire loro abbastanza luce solare e un terreno ben drenato.
    Il calendario di semina per i pomodori ciliegia varia a seconda della vostra zona climatica, ma generalmente è consigliato seminare a primavera inoltrata;
  • Spinaci:
    Oltre ai pomodori ciliegia, potete considerare la coltivazione di altri ortaggi semplici. Gli spinaci, ad esempio, sono robusti e crescono rapidamente, adattandosi facilmente alla maggior parte dei terreni.
    Seminate sempre gli spinaci in primavera o in autunno, evitando periodi di calura eccessiva;
  • Ravanelli:
    I ravanelli sono un’opzione perfetta per chi desidera vedere risultati in tempi brevi. La loro crescita veloce consente di raccoglierli in poche settimane dalla semina. Piantate i semi direttamente nel terreno, seguendo il calendario di semina primaverile o autunnale.
  • Zucchine:
    Un altro ortaggio adatto ai principianti della coltivazione in orto è sicuramente la zucchina. Parliamo infatti di una pianta che cresce vigorosamente e produce abbondanti raccolti.
    Piantatela in un luogo con almeno 6 ore di sole al giorno e utilizzate del compost per migliorare la fertilità del terreno. Siccome le zucchine richiedono molto spazio, assicuratevi di piantarle a una distanza di almeno 90 cm l’una dall’altra;

Erbe aromatiche da coltivare in vaso

Coltivare erbe aromatiche sul balcone è un’ottima soluzione per chi dispone di spazi limitati. La versatilità dei vasi permette infatti di creare un piccolo giardino aromatico su balconi, terrazzi o davanzali.

Per iniziare, ecco alcune erbe aromatiche ideali da coltivare in vaso:

  • Basilico:
    Il basilico è un’erba essenziale in cucina, dal profumo intenso e dal sapore unico. Piantate il basilico in vaso, assicurandovi di posizionarlo in un luogo soleggiato e di annaffiarlo regolarmente;
  • Prezzemolo:
    Ricco di vitamine e antiossidanti, il prezzemolo è un’ottima aggiunta a molti piatti. Si adatta bene alla coltivazione in vaso, richiedendo un terreno umido e un’esposizione moderatamente soleggiata;
  • Rosmarino:
    Con il suo profumo avvolgente, il rosmarino è ideale per insaporire carne, patate e piatti mediterranei. Piantatelo in vaso in un luogo soleggiato, garantendo un drenaggio efficace;
  • Menta:
    La menta è perfetta per tisane, cocktail e piatti estivi. Dato che può essere invadente, coltivatela in un vaso per contenerne la crescita. Assicuratevi di mantenere il terreno umido;
  • Timo:
    Il timo è una pianta aromatica resistente che si adatta bene alla coltivazione in vaso. Il terreno dovrebbe essere ben drenato, con una buona esposizione al sole;
  • Salvia:
    La salvia rientra tra le erbe aromatiche più semplici da coltivare e conservare una volta matura. Coltivatela in vaso in un terreno ben drenato e soleggiato.

Consigli di irrigazione per l’orto

L’irrigazione corretta è fondamentale per la salute e la produttività del vostro orto. Ai principianti potrebbe sembrare un aspetto complesso, ma con alcuni consigli di base è possibile mantenere le piante idratate in modo efficace.

Tra i più importanti consigli di irrigazione per gli orti dei principianti c’è sicuramente lo studio delle esigenze idriche delle singole piante. Ogni pianta ha esigenze idriche diverse: alcune preferiscono terreni più asciutti, mentre altre richiedono terreni costantemente umidi. Informatevi sulle esigenze specifiche delle vostre piante per adattare il vostro regime di irrigazione.

Parlando di orari invece, l’irrigazione al mattino è generalmente la scelta migliore. L’acqua può essere assorbita dalle radici prima che il sole diventi troppo caldo, riducendo il rischio di malattie fungine e di evaporazione e ottimizzando l’assorbimento idrico.

Un errore molto comune è quello di innaffiare troppo frequentemente le piante. Un terreno costantemente saturo può danneggiare le radici e favorire lo sviluppo di malattie.

Controllate sempre il terreno prima di irrigare per assicurarvi che sia effettivamente necessario. Il consiglio generale è quello di utilizzare sistemi di irrigazione a goccia o gli irrigatori a pioggia, che garantiscono un’umidità uniforme a tutto il terreno. Parliamo infatti di sistemi molto utilizzati, proprio perché aiutano a ridurre lo spreco d’acqua e forniscono un’irrigazione più mirata.

Se il vostro terreno è particolarmente secco, potete pensare di applicare uno strato di pacciame intorno alle piante per aiutare a trattenere l’umidità, ridurre l’evaporazione e controllare le erbe infestanti. Attenzione però a non coprire troppo da vicino il gambo delle piante per evitare problemi di marciume. In questi casi, un buon drenaggio è cruciale per tenere lontani i fastidiosi ristagni d’acqua. Assicuratevi sempre che il terreno sia ben drenato, a maggior ragione se coltivate in vasi o contenitori.

In ultimo, cercate di piantare le piante a una distanza corretta l’una dall’altra. Uno spaziamento adeguato consente alle piante di ottenere una quantità uniforme d’acqua senza sovrapporsi. Ricordate che l’irrigazione è una parte fondamentale della cura delle piante, e imparare a rispondere alle esigenze specifiche delle vostre coltivazioni richiede tempo e pratica.

Osservate attentamente le vostre piante e adattate il regime di irrigazione in base alle loro risposte.

Manutenzione dell’orto

La manutenzione dell’orto è fondamentale per garantire una crescita sana delle piante, massimizzare la produzione e prevenire problemi come malattie e infestazioni.

Abbiamo già visto quanto è importante l’irrigazione, ma ci sono altri elementi ugualmente importanti da tenere in considerazione quando si parla di manutenzione dell’orto per principianti:

  • Controllo delle erbacce:
    Eliminate le erbacce regolarmente per evitare che competano con le piante coltivate per acqua e nutrienti. Contemporaneamente, applicate uno strato di pacciame intorno alle piante per ridurre la crescita delle erbacce, trattenere l’umidità e migliorare la struttura del terreno;
  • Fertilizzazione:
    Utilizzate fertilizzanti naturali per assicurarvi che le piante ricevano una quantità adeguata di nutrienti essenziali. Considerate anche l’uso di compost o letame come fertilizzanti naturali e miglioratori del suolo;
  • Rotazione delle colture:
    Praticate la rotazione delle colture per prevenire la crescita di parassiti e malattie specifiche del tipo di ortaggio. Evitate quindi di coltivare ortaggi della stessa famiglia nello stesso luogo per due stagioni consecutive;
  • Pulizia e potatura:
    Rimuovete le foglie malate o infette per prevenire la diffusione di malattie e potate le piante secondo necessità, così da stimolare la crescita e migliorare la forma della pianta;
  • Controllo delle malattie e degli insetti:
    Ispezionate regolarmente le piante per individuare segni di malattie o infestazioni da insetti. Affrontate prontamente malattie o infestazioni utilizzando metodi naturali o, se necessario, prodotti specifici e sicuri per l’orto;
  • Supporto alle piante:
    Fornite supporto alle piante che ne hanno bisogno, come pomodori o fagioli rampicanti, utilizzando rami, gabbie o strutture apposite. Cercate poi di raccogliere i frutti regolarmente per stimolare la produzione e prevenire il sovraccarico delle piante;
  • Monitoraggio delle condizioni climatiche:
    Proteggete le piante sensibili dalle gelate tardive coprendole con tessuti non tessuti o materiali simili. In caso di calura intensa, fornite ombreggiatura temporanea alle piante più delicate.

Osservate attentamente le vostre piante, imparate dai successi e dagli errori, e adattate le pratiche di manutenzione in base alle esigenze specifiche del vostro orto. La manutenzione dell’orto richiede dedizione e costanza, ma con una cura attenta potrete godere di un orto prospero e produttivo.

Buona fortuna!

Rimani aggiornato, iscriviti alla newsletter