Coltivare un orto di erbe aromatiche significa avere una grande risorsa sia per te sia per altre piante. Come visto in altri articoli, infatti, molte di queste piante aiutano a tenere lontani i parassiti dagli altri ortaggi. Oltre a questo sono ottime da mangiare e, ciliegina sulla torta, fanno bene alla salute.

Usare più erbe fresche in cucina ti aiuta non solo a mangiare meglio, ma anche ad usare meno sale e meno grassi. In più, molte di queste erbe sono ingredienti per ottime tisane, buone e ricche di proprietà benefiche. Insomma, tutte ottime ragioni per ritagliare loro un angolino nell’orto.

In questo articolo vedremo come creare il tuo piccolo orto di erbe aromatiche, in giardino o in casa, e come conservarle.

Quanto spazio ti serve per un orto di aromatiche

Per creare un giardino di erbe aromatiche basta 1 metro quadrato di terreno, a patto di saperlo sfruttare. Se hai poco spazio, infatti, la cosa più importante è scegliere aromatiche di piccole dimensioni e disporle in modo creativo.

In un altro articolo abbiamo spiegato come sistemare le piante aromatiche sul balcone, così da sfruttare davvero tutti gli spazi. Il segreto è consociare le aromatiche con esigenze complementari, affinché si aiutino a vicenda come buone vicine. Ad esempio, l’erba cipollina ha bisogno di poca luce, quindi cresce bene anche all’ombra del basilico.

Se perfino un metro quadrato è un’utopia, trasforma il tuo giardino di erbe aromatiche in una torre di erbe aromatiche. Sul sito trovi consigli su come costruire un orticello verticale: puoi benissimo applicarli alle tue erbe, che siano coltivate in casa o in pieno campo.

Quali sono le migliori erbe aromatiche da coltivare in casa

Realizzare un orto di erbe aromatiche è abbastanza facile, ma siamo sinceri: ci sono erbe aromatiche più facili di altre da coltivare in casa. Piante come l’alloro o il rosmarino, ad esempio, danno il meglio in pieno campo o in vasi di grandi dimensioni.

Facciamo una piccola carrellata di erbe aromatiche che si accontentano di poco spazio, invece.

  • Basilico. Il re delle erbe da coltivare in casa, colui che si può comprare perfino al supermercato e che cresce perfino in acqua. Il basilico ha bisogno di due cose: luce e acqua. Lo spazio è del tutto opzionale, anche se influenzerà le dimensioni finali della pianta.
  • Prezzemolo. Dire che una persona è come il prezzemolo significa che spunta ovunque, anche dove non dovrebbe. Proprio come il basilico, infatti, il prezzemolo si accontenta di luce e acqua per crescere rigoglioso.
  • Timo. Esistono oltre 300 varietà di tipo, molte delle quali a portamento strisciante come il timo selvatico. Quest’ultimo cresce anche in terreni sabbiosi e occupa pochissimo spazio, il che lo rende l’ideale per un orto di aromatiche in casa.
  • Erba cipollina. Come visto in passato, è abbastanza comune trovare ciuffetti di erba cipollina selvatica ovunque il terriccio è umido. Si tratta di una pianta con pochissime esigenze, che cresce bene anche in penombra e che tiene lontani i parassiti.
  • Menta. La menta è una pianta che potremmo definire immortale, capace di propagarsi ovunque e in qualunque condizioni. Tienila un pochino all’ombra durante le ore più calde, in estate. Per il resto, farà tutto da sola.

5 modi per conservare le erbe aromatiche fresche

Realizzare un bell’orto di erbe aromatiche ha solo un possibile “problema”: come fare in inverno, quando molte delle succitate aromatiche sono morte o dormienti? Esistono tanti modi per conservare le erbe fresche, non temere!

  1. Essiccate. La cosa più banale da fare è essiccare le erbe aromatiche per conservarle. Funziona molto bene con il timo o l’erba cipollina, che riescono a preservare buona parte del loro profumo. Il basilico essiccato, invece, perde molto aroma.
  2. Congelate. Il prezzemolo si conserva molto bene congelato, pronto da usare in soffritti e zuppe. Ti basta lavare bene le foglie, asciugarle e tritarle. Versa il trito in stampi per il ghiaccio e usa i cubetti ottenuti al bisogno.
  3. Sotto sale. Il sale è il conservante per eccellenza, dato che assorbe l’umidità e tiene lontane le muffe. Per realizzare un ottimo sale aromatizzato alterna strati di sale e di erbe asciutte in un vasetto. Una volta pieno, chiudilo bene e conservalo in un luogo fresco e asciutto, al buio.
  4. Sottolio. Come il sale, anche l’olio è un ottimo conservante. Il procedimento è pressapoco lo stesso: lava bene le erbe, asciugale perfettamente e conservale in vasetti sterili pieni di olio. Nel giro di qualche settimana avrai un olio profumatissimo, da usare cotto o a crudo.
  5. Sottolio congelate. Se usi le erbe aromatiche soprattutto per i soffritti, prepara un trito con le erbe ben lavate. Versalo negli stampi per il ghiaccio e, prima di metterli in congelatore, coprili con uno strato di olio.

Applicando questi pochi semplici consigli avrai erbe aromatiche pronte tutto l’anno, anche quando il tuo orticello dorme in attesa della bella stagione.

Rimani aggiornato, iscriviti alla newsletter