Tempo di Lettura: 3 minuti

Tra le ragioni per cui una pianta appassisce, ci sono anche i parassiti e gli insetti. Il grillotalpa è uno dei più pericolosi: le sue zampette scavano gallerie sottoterra, tra tuberi e radici. Se non stai attento, rischi che in breve tempo faccia sparire parte delle tue coltivazioni. Come impedirlo e come combattere il grillotalpa?

Come riconoscere il grillotalpa

Il grillotalpa è un insetto terricolo, il che lo rende difficile da individuare a colpo d’occhio. Per questo motivo, gran parte delle persone vede gli effetti del suo passaggio ben prima dell’insetto stesso. Le piante iniziano infatti a seccare senza apparente ragione e le patate che raccogli sono bucherellate, come se qualcosa ci avesse scavato attraverso. Il che è esattamente ciò che è successo, in effetti.

Il grillotalpa non si nutre delle povere piante del tuo orto – non solo, quanto meno – ma di insetti che vivono nel terreno. Quando va a caccia, scava lunghe gallerie del diametro di 6-8 cm, a circa 20-30 cm di profondità. Queste gallerie sono il suo territorio di caccia e il suo nido e, se sei sfortunato, passano proprio attraverso le radici delle tue piante.

Le tracce più visibili del grillotalpa sono le montagnette di terreno sparse per l’orto. Di solito hanno un bel buco al centro, che funge da entrata e uscita per gli insetti. Scavando nei paraggi, puoi trovare anche il tunnel scavato dal famigerato grillotalpa.

Il grillotalpa va in letargo?

Uno dei grandi problemi del grillotalpa è che vive a lungo, circa 3 anni. In estate, le femmine depongono le uova in uno dei tunnel, che funge da nido. Nel giro di un mese, le uova si schiudono e le larve vanno per la propria strada. Ogni femmina deposita circa due covate, che impiegano due anni per raggiungere la maturità sessuale.

Tra un’estate e l’altra, il grillotalpa va in letargo. A novembre si trova una tana comoda e rimane lì finché non torna il caldo. Questo è ovviamente un problema, dato che liberarsene diventa molto più difficile. In compenso, ti consente anche di applicare un piccolo trucco per liberartene.

In autunno, scava una piccola buca e buttaci dentro un po’ di erbacce, creando il nido perfetto per il grillotalpa. Gli insetti si affolleranno nei paraggi, approfittando del calore emesso dalla decomposizione. A inizio inverno, lavora il terreno attorno alla buca e lascia i grillotalpa in balia del freddo invernale.

Come combattere il grillotalpa

Il trucco visto sopra aiuta a tamponare il problema, ma non lo risolve di sicuro e devi aspettare l’inverno per applicarlo. Contro il grillotalpa lo strumento migliore è la prevenzione, anche se non sempre è facile.

L’insetto ama i terreni sciolti e fertili, ricchi di sostanza organica. Quando prepari l’orto e lo concimi, quindi, è come se lo stessi invitando a nidificare. D’altra parte, non puoi certo smettere di lavorare il terreno per paura di ospiti sgraditi. L’unica cosa da fare è applicare qualche trucco.

  • Evita i ristagni d’acqua, che possono diventare piccole oasi per questo insetto.
  • Favorisci la biodiversità, anche se non è sempre facile. Se il tuo orto urbano è abitato da insetti diversi e da piccoli animali, è più facile che il grillotalpa trovi uno o più suoi nemici naturali.
  • Lavora il terreno con una buona frequenza, anche a bassa profondità. Il grillotalpa nidifica abbastanza vicino alla superficie: lavorando il terreno, è facile distruggere il nido e le uova.
  • Sistema delle trappole lungo le gallerie. Il grillotalpa è un insetto abitudinario: una volta individuate le sue gallerie, ti basta interrare dei barattolini per farlo cadere dentro.
  • Concima con il letame. Il calore attira gli insetti in superficie e rende più facile catturarli.

Hai qualche altro consiglio per combattere il grillotalpa? Condividilo con noi sulla nostra pagina Facebook! Se vorresti cominciare a coltivare un orto tutto tuo, invece, contattaci.

Contattaci

02.54107530​
mail@vargas.it

Via Novara, 188, 28021 Borgomanero NO​