Tempo di Lettura: 7 minuti

Per produrre la quasi totalità degli ortaggi si parte dai semi; eccezioni sono la patata (si ottiene dai tuberi), l’aglio e la cipolla (si usano i bulbilli, ma per la cipolla si può utilizzare anche la semente).

La semina di tutte le ortive può avvenire in campo aperto, ma alcune possono essere seminate in un semenzaio e poi trapiantate all’aperto.

La semina in semenzaio e il successivo trapianto offrono molti vantaggi rispetto alla semina diretta in campo: si risparmia semente, si controllano più agevolmente le erbe spontanee, si riducono i danni causati da alcuni patogeni, si ha una maggiore semplicità operativa.

Gentile utente stai accedendo ad una sezione riservata del nostro sito per la quale è necessario registrarsi. Per poter leggere tutto l'articolo devi registrarti con il tuo account facebook o inserendo la mail. Prego clicca login.